closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Reddito di inclusione: il governo dei poveri, altro che lotta alla povertà

Miseria & Workfare. Istat: 7,2 milioni di persone a rischio di "grave deprivazione materiale". Allarme per anziani e bambini. Nel Def stanziate risorse insufficienti. Tempi indefiniti per renderle universali. L'errore di rinviare a un secondo tempo misure strutturali a tutela dei diritti sociali e fondamentali della persona. Per gli under 35 sempre più difficile trovare un lavoro, speranze affidate a amici e parenti

I numeri sono impietosi. Contro la povertà il governo Gentiloni ha stanziato 1,2 miliardi di euro per il 2017 e 1,7 per il 2018. Per istituire un sussidio strutturale contro la «povertà assoluta» che in Italia colpisce 4,6 milioni di persone sarebbero necessari 7 miliardi. All’anno. Questo elemento è stato trascurato nell’analisi del documento di economia e finanza (Def), forse a causa del clima pasquale. Se a questo si aggiunge la lettura del «memorandum» siglato dal governo con l’«Alleanza contro la povertà» - il cartello di associazioni e sindacati che sostengono l’istituzione del «reddito per l’inclusione sociale» - c’è poco...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.