closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Reddito di cittadinanza: una truffa da 20 milioni rilancia la retorica ignobile sui «furbetti»

Il caso. Scoperta una truffa che avrebbe potuto sottrarre anche altri 60 milioni di euro ai beneficiari: 16 arresti e 9 mila denunciati, annunciano gli inquirenti. E riparte la gazzarra delle destre e dei liberisti di complemento contro il diritto al reddito di base di poveri, precari e disoccupati. La loro prospettiva è la guerra degli ultimi contro i penultimi. Ma non basta rivendicare un Workfare che rischia di punire comunque tutti i beneficiari del "reddito"

In un centro per l'impiego

In un centro per l'impiego

Man mano che gli accertamenti sui percettori del cosiddetto «reddito di cittadinanza» andranno avanti, scoprendo anche le truffe ma soprattutto i percettori che hanno incassato il sussidio di povertà (che non è un «reddito di cittadinanza») omettendo volontariamente o involontariamente particolari della loro situazione patrimoniale o reddituale, tanto più crescerà la gazzarra delle destre e dei liberisti di complemento contro i poveri. L’odio di classe contro chi è ridotto al silenzio è stato rilanciato dai 16 arresti di persone di origine romena a Cremona, Lodi, Brescia, Pavia, Milano, Andria, Barletta e Agrigento nell'ambito di una operazione condotta dalla guardia di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.