closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Reddito di cittadinanza: i controlli dell’Inps hanno escluso oltre un milione di persone

Workfare. L'Inps annuncia una querela contro Francesco Lollobrigida (Fratelli d'Italia) il quale avrebbesostenuto una presunta connivenza sui mancati controlli sul "reddito". In realtà, negli ultimi 3 anni, oltre 1 milione sono stati esclusi dal beneficio. E' il segno di un estremo bisogno di reddito di base, non la prova di un popolo di truffatori

Una manifestazione per il reddito di base

Una manifestazione per il reddito di base

L’Inps ha annunciato una querela contro il presidente dei deputati di Fratelli d'Italia Francesco Lollobrigida il quale, nel corso della trasmissione Porta a porta del 4 novembre, avrebbe parlato di una presunta mancanza di controlli da parte dell'Inps e della presunta connivenza dolosa dei suoi dipendenti. Lollobrigida ha annunciando un esposto alla Corte dei conti sulle «responsabilità contabili o penali», un'audizione del presidente dell'Inps, Pasquale Tridico alla commissione Lavoro della Camera e un'informativa del ministro del Lavoro Andrea Orlando. L’Inps ha sottolineato che i controlli sui requisiti anagrafici (cittadinanza e residenza) sono «di esclusiva competenza dei Comuni» e ha proposto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.