closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Record di reporter in cella. Turchia al voto senza voci critiche

Medio Oriente. Primo paese al mondo per giornalisti in prigione. E con 200 media chiusi per decreto governativo lo spazio della stampa libera si restringe fino a scomparire

Manifestazione in Turchia per la libertà di stampa

Manifestazione in Turchia per la libertà di stampa

Una settimana fa il fumettista Musa Kart è stato condannato a tre anni e nove mesi di prigione nel processo al quotidiano Cumhuriyet, insieme a 14 colleghi. L’accusa, «aver favorito il terrorismo». Ieri Kart è stato insignito dell’International Editorial Cartoons Prize. Un premio che sfida l’annichilimento della libertà di stampa in Turchia, primo paese al mondo per numero di giornalisti dietro le sbarre. Oltre 170, arrestati con accuse diverse: propaganda terroristica, incitamento al golpe, diffusione di notizie false, insulti al presidente Erdogan. In alcuni casi si è già arrivati a sentenza: la più eclatante è stata emessa a febbraio, ergastolo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi