closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Re Artù» camera e cucina

Lirica. Graham Vick firma un nuovo allestimento della rara opera di Chausson a Parigi

Il dieci giugno 1899 Ernest Chausson moriva sul colpo, a soli quarantaquattro anni, per una banale caduta dalla bicicletta. Al mondo musicale rimase l’interrogativo sui possibili sviluppi di una parabola artistica troncata nel momento di massima ascesa. Eseguita postuma nel 1903, le Roi Arthus resta l’unica opera di Chausson, alla quale il compositore, autore anche del libretto, lavorò per circa dieci anni, dal 1886 al 1895. Anche la produzione parigina in scena fino al 14 di giugno all’Opéra Bastille non può celare il paradosso della ricerca spasmodica di un linguaggio alternativo a Wagner, che si risolve in un’opera totalmente pervasa...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.