closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Never Again, la ong più odiata di Polonia

Intervista. L’associazione, che monitora gli episodi di xenofobia e anti-semitismo, denuncia l’escalation degli ultimi anni: «È molto difficile contrastare il razzismo negli stadi quando le stesse autorità sportive sostengono certi atteggiamenti. Vedi il caso Zbigniew Boniek»

Varsavia, manifestazione nazionalista con cartelli contro George Soros (da sinistra), Donald Tusk, Jean-Claude Juncker e il logo di Never Again

Varsavia, manifestazione nazionalista con cartelli contro George Soros (da sinistra), Donald Tusk, Jean-Claude Juncker e il logo di Never Again

La questione rifugiati è lo specchio della crisi culturale delle democrazie europee. Alcuni paesi dell’ex blocco sovietico si rifiutano di accogliere anche un solo profugo. Capofila è la Polonia, dove il governo guidato dal partito Legge e Giustizia promuove apertamente ostilità verso gli immigrati e le minoranze, mentre porta avanti riforme che compromettono le basi democratiche, come la recente legge approvata dalla camera bassa che mira ad assoggettare la corta suprema all’esecutivo. Secondo Eurostat, la società polacca è la più “omogenea” tra i 28 membri della Ue, con appena lo 0.3 per cento di stranieri sul proprio territorio. Eppure, proprio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.