closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Razionamento rinviato. Ma resta il confronto politico

Roma. Interviene il governo: si continua ad attingere dal lago di Bracciano, ma in forma ridotta. La sindaca Raggi ha chiesto lo stato di emergenza. Zingaretti: «Si assuma le proprie responsabilità»

Roma

Roma

Roma evita il razionamento idrico all’ultimo minuto, al termine di una giornata convulsa che si conclude con un compromesso tecnico. Sullo sfondo l’aumento di tensione del confronto politico. Mancano soltanto poche ore alla mezzanotte, ora in cui le condutture che dal lago di Bracciano arrivano fino a Roma e ai comuni del Lazio centrale serviti da Aceta Ato 2 si spegneranno, quando ancora le trattative paiono in alto mare. Unica certezza: i serbatoi sono pieni e in grado di garantire il normale servizio idrico solo fino a lunedì. Dal mese di agosto, dicono da Acea, sarà necessario il razionamento. È...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.