closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Raid notturno dei coloni nel villaggio palestinese di Jalud

Cisgiordania. E' scattato dopo il ferimento di due giovani israeliani da parte di una cellula armata palestinese. Lior Amihai (Yesh Din): «Domenica notte abbiamo assistito a un pogrom da parte di coloni incoraggiato dalle autorità»

Un 'auto palestinese distrutta dai coloni israeliani a Jalud

Un 'auto palestinese distrutta dai coloni israeliani a Jalud

I coloni israeliani sono arrivati a Jalud, a qualche chilometro da Nablus, poco dopo le 21 di domenica sera. Con l’intenzione di vendicare due giovani, studenti di un istituto religioso dell’insediamento coloniale di Itamar, feriti qualche ora prima da colpi d’arma da fuoco sparati da un’auto palestinese all’incrocio di Tuffah (Tapuach). «Non è una novità, più volte in questi anni abbiamo subito raid (di coloni) ma quest’ultimo è stato il più violento», racconta al manifesto Abdallah Tawfiq, capo del consiglio locale di Jalud. «Hanno dato fuoco a terre del villaggio – racconta - distrutto automobili, si sono spinti fino ai...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.