closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Raid della Russia uccide tre soldati turchi

Siria. Ad al-Bab, nuovo fronte della guerra, esplodono le contraddizioni e gli interessi di parte: esercito governativo e opposizioni sono a tre km di distanza

Raid russo in Siria

Raid russo in Siria

L’esplosione dell’aperta contraddizione rappresentata dalla comunità di al-Bab (città siriana della provincia di Aleppo a meno di trenta chilometri dalla frontiera confine con la Turchia) era attesa ormai da settimane. Ad un mese e mezzo dalla ripresa di Aleppo da parte di Damasco, ieri si è palesata sotto forma di raid aereo: l’aviazione russa ha ucciso tre soldati turchi e ne ha feriti undici in un attacco definito accidentale. Immediatamente sono giunte le scuse e le condoglianze del Cremlino al ritrovato alleato turco, quello che nel novembre 2015 abbatte un jet Sukhoi russo. I presidenti Erdogan e Putin si sono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi