closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Ragusa, pompieri volontari appiccavano il fuoco per 10 euro all’ora

Incendi. Quindici ausiliari del corpo dei vigili del fuoco attivi nel ragusano tra il 2013 e il 2015 si sono trasformati in piromani per incassare la paga. Per i sindacati il ministero degli Interni deve integrare l'organico dei pompieri con nuove assunzioni e non assoldare volontari pagandoli a prestazione. Legambiente e Codacons si costituiranno parte civile

Nell’Italia che brucia a fuoco lento c’è qualcuno che per guadagnare 10 euro l’ora il lavoro se lo deve inventare, con attitudine criminale. Magari appiccando il fuoco per poi correre a spegnerlo con indosso l’uniforme dei pompieri. Complice lo Stato che invece di rimpolpare l’organico dei vigili del fuoco, numericamente inadeguato, assolda volontari pagandoli a prestazione. Una logica perversa: più incendi ci sono, più qualcuno ci guadagna. L’accusa contestata dalla polizia di Ragusa ha per teatro la Sicilia, luogo simbolo di un paese che sta andando in fiamme non solo per fatalità. E come protagonista una squadra di pompieri ausiliari...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.