closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Raffaello in 3D», il racconto dell’arte sublime

Cinema. Presentato da Sky, Musei Vaticani e Nexo Digital, ricostruisceper la prima volta l'esistenza dell'artista indagando tra le pieghe della sua creatività. Tra «set» originali e una visione inedita della Cappella Sistina

Se si scorre la breve e intensissima - oltre che piena di gloria: non è da tutti firmarsi magister a 17 anni in calce ai propri quadri - vita di Raffaello Sanzio, è difficile non rimanere impressionati dalla sua aura di successo. Si può escludere, forse, soltanto il momento buio del suo divenire orfano a undici anni, ma era accadimento comune all’epoca. Eppure, la trasposizione cinematografica che ancor oggi è nelle sale italiane e per la prima volta ricostruisce la sua esistenza, indagando tra le pieghe della sua creatività – Raffaello, il principe delle arti in 3D, presentato da Sky,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi