closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Raccontò l’epidemia a Wuhan, 4 anni alla blogger Zhang Zhan

Cina. In sciopero della fame contro l'arresto, avvenuto lo scorso maggio, è alimentata con la forza. Ieri a processo anche dieci dei dodici ragazzi di Hong Kong che tentarono la fuga a Taiwan

Hong Kong, Lee Cheuk-Yan ieri durante un sit-in con la foto della blogger cinese Zhang Zhan

Hong Kong, Lee Cheuk-Yan ieri durante un sit-in con la foto della blogger cinese Zhang Zhan

Nel pieno delle festività natalizie, quando molto paesi occidentali si concedono una pausa, la Cina tiene processi giudiziari per reprimere le voci di dissenso verso il governo centrale. Ma anche per intimorire chiunque voglia raccontare le negligenze del Partito comunista cinese. Ieri l’ennesimo esempio di giornalismo dipendente ha ricevuto una sentenza esemplare. La blogger Zhang Zhan è stata condannata dal tribunale del popolo di Shanghai a quattro anni di reclusione con l’accusa di aver diffuso «false informazioni» sui social media sulla risposta del governo cinese all’epidemia di Covid-19 nella città di Wuhan, oltre ad aver rilasciato interviste ad alcuni media...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi