closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Raccontò l’epidemia a Wuhan, 4 anni alla blogger Zhang Zhan

Cina. In sciopero della fame contro l'arresto, avvenuto lo scorso maggio, è alimentata con la forza. Ieri a processo anche dieci dei dodici ragazzi di Hong Kong che tentarono la fuga a Taiwan

Hong Kong, Lee Cheuk-Yan ieri durante un sit-in con la foto della blogger cinese Zhang Zhan

Hong Kong, Lee Cheuk-Yan ieri durante un sit-in con la foto della blogger cinese Zhang Zhan

Nel pieno delle festività natalizie, quando molto paesi occidentali si concedono una pausa, la Cina tiene processi giudiziari per reprimere le voci di dissenso verso il governo centrale. Ma anche per intimorire chiunque voglia raccontare le negligenze del Partito comunista cinese. Ieri l’ennesimo esempio di giornalismo dipendente ha ricevuto una sentenza esemplare. La blogger Zhang Zhan è stata condannata dal tribunale del popolo di Shanghai a quattro anni di reclusione con l’accusa di aver diffuso «false informazioni» sui social media sulla risposta del governo cinese all’epidemia di Covid-19 nella città di Wuhan, oltre ad aver rilasciato interviste ad alcuni media...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.