closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Raccontare il Brasile è un gesto politico

Cinema. Al Festival di Pingyao la masterclass del regista di «Bacurau» e «Aquarius», Kleber Mendonça Filho

Mendonça Filho su un manifesto a Pingyao

Mendonça Filho su un manifesto a Pingyao

È uno dei cineasti più inquieti e brillanti del nuovo cinema latinoamericano, acuto osservatore delle trasformazioni del suo Brasile, esteticamente raffinato, politicamente visionario (e spesso profetico). C’è chi ne aveva individuato il talento già nel film di esordio Neighbouring Sounds e chi invece lo ha scoperto per la prima volta a Cannes nel 2016, quando Aquarius rincorreva la Palma d’oro con Sônia Braga nel ruolo della vita, ancora bellissima e sensuale, ultima resistente in un piccolo condominio fronte mare a Recife, preso d’assalto dalla speculazione edilizia. POI, QUEST’ANNO, sempre sulla croisette, Bacurau ha dato conferma di un’idea di cinema entusiasmante...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.