closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Rabbia per Samer Arbid, ridotto in fin di vita dalle torture dei servizi israeliani

CISGIORDANIA . L'attivista del Fronte popolare per la liberazione della Palestina era stato arrestato una seconda volta per l’esplosione che lo scorso 24 agosto uccise la 17enne israeliana Rina Shnerb. Per interrogarlo lo Shin Bet avrebbe adottato «misure straordinarie»

Rabbia e sdegno attraversano la Cisgiordania dopo il trasferimento in gravi condizioni in ospedale di Samer Arbid, 44 anni, un attivista del Fronte popolare per la liberazione della Palestina (Fplp), arrestato dai servizi di intelligence israeliani con l’accusa di essere responsabile dell’esplosione che lo scorso 23 agosto ha ucciso una 17enne israeliana, Rina Shnerb, a una sorgente d’acqua nei pressi dell’insediamento coloniale di Dolev. Gli altri presunti membri del Fplp arrestati per lo stesso reato sono Qassem Shibli, 25 anni, Yasan Majamas, 25 anni, entrambi di Ramallah, e uno studente, Nizam Awlad, 21 anni, di Bir Zeit. L’avvocato Mahmud Hassan,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.