closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Quieta non movere

Verità nascoste. La rubrica settimanale a cura di Sarantis Thanopulos

Mentre si avvicinano le elezioni, tra i leader politici spicca Berlusconi, lo statista di lungo corso invocato dai pragmatisti (esperti agorafobici del piccolo orto). Si suppone che non sia xenofobo, né razzista. Forte di questo riconoscimento, non avendo più promesse da fare (le ha già fatte e mai mantenute e superano i giorni della sua lunga vita), ha affermato che in Italia ci sono 600.000 clandestini i quali, vivendo di «espedienti e di reati», rappresentano una «bomba sociale» destinata a esplodere in tempi brevi. Le sue affermazioni, a breve distanza dall’attentato fascista a Macerata, sono un atto deliberato di destabilizzazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi