closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Questione catalana, Sánchez verso l’indulto. Ma si scatena la rissa

Spagna. Non solo la destra, contro anche una parte del Psoe. Voci critiche tra gli indipendentisti

Protesta di Puigdemont e Comín all’Europarlamento

Protesta di Puigdemont e Comín all’Europarlamento

La questione catalana continua a causare grattacapi all’esecutivo spagnolo. Con l’insediamento del nuovo governo catalano, presieduto da Pere Aragonés, si è riaperto il fascicolo “indulto” per i politici catalani incarcerati dopo i fatti del 1 ottobre 2017: il referendum di autodeterminazione che il governo di Rajoy tentò di fermare con tutti i mezzi, comprese le manganellate a anziani che depositavano un voto (senza valore, secondo il tribunale costituzionale). Le pene che toccarono a diversi politici e attivisti coinvolti furono spropositate: fino a 13 anni di carcere e di interdizione dai pubblici uffici (per esempio al leader di Esquerra Republicana Oriol...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi