closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Quello sfregio punk

Cinema. Le provocazioni di Walter Hill anche nel suo nuovo «The Assignment», dove lavora con i limiti dell'immagine e del visibile

il regista Walter Hill

il regista Walter Hill

Un film terminale. Un film impossibile – un cambio di gender impartito come la più ineffabile delle vendette – e una provocatoria domanda di sospensione di incredulità, la più forte dai tempi di M Butterfly di David Cronenberg. Walter Hill con The Assignment porta la sua idea di stile alle soglie della purezza opaca del magistero langhiano. Come già nel magnifico Undisputed, l’idea del « living gracefully», ossia vivere con grazia, diventa segno e dichiarazione politica. In questa torsione, Frank Kitchen/Michelle Rodriguez trasformato in donna, (ri)vive anche il geniale femminismo del Blake Edwards di Nei panni di una bionda. Hill, però,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.