closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Quell’impronta materna nelle nuove genitorialità

Gestazione per altri. Se siamo in grado di decifrare i beni che i "nuovi" bambini e i "nuovi" genitori domandano è perché sappiamo quanto valgono riconoscimento e affetto

Nella registrazione dell’atto di nascita di una bambina nata per surrogazione di maternità (gpa), decisa in questi giorni dal Comune di Roma, può essere vista una scelta volta a tutelare l’interesse di un singolo bambino a uno status familiare. È una scelta che, indipendentemente dalla sua correttezza, di cui ora non discuterò, nulla implica, né può implicare, in favore della legalizzazione della gpa come modo di far nascere bambini futuri. Questo infatti è un tema che coinvolge questioni su cui non va messo un timbro, ma tenuta aperta la discussione. Una è il problema dei diritti sul proprio corpo. C’è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi