closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Quelle tempeste su teatri instabili

Beni culturali. L'acuta crisi dell'Opera di Roma è solo una tessera di un mosaico che investe le Fondazioni lirico sinfoniche italiane in pesante deficit

l'orchestra del teatro dell'Opera di Roma con l'ex direttore Riccardo Muti

l'orchestra del teatro dell'Opera di Roma con l'ex direttore Riccardo Muti

Il licenziamento dell’intera compagine musicale (orchestra e coro) dell’Opera di Roma sta creando un gran clamore sui media di tutto il mondo e, malgrado il ministro della cultura Dario Franceschini e Ignazio Marino parlino di una normale procedura, si tratta di un fatto senza precedenti, che rischia di destabilizzare il già precario stato delle nostre attività culturali. La decisione risale al 2 ottobre, la scelta è stata definita come «sofferta». Sofferenza forse intensa, ma breve: in tre ore circa la direzione del teatro, il sindaco Marino e il Cda, l’organo di controllo e indirizzo, senza realmente vagliare altre ipotesi, hanno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi