closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Quelle sottili braccia alzate hanno aperto gli anni Ottanta

Pablito mundial. Notti, maglie e volti che sembravano naturaliEroe di un calcio senza cupidigia in un paese che guardava al futuro senza avidità

«Meglio un uovo oggi che una gallina domani». Puoi pensarla così, anche se sei stato l’«hombre del partido» e hai vinto un Mondiale e poi un Pallone d’oro, come naturale conseguenza di un trionfo inatteso e meritato. Sai accontentarti anche se sei stato l’italiano più famoso degli anni Ottanta. «Meglio un uovo oggi che una gallina domani» Paolo Rossi lo aveva scritto anche su WhatsApp e quella frase racconta il suo profilo nazionale e popolare, ma anche qualcosa di più. PABLITO era il simbolo di un calcio che sapeva accontentarsi. E diventò l’eroe di un’Italia che guardava al futuro con...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi