closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Quelle ombre nere sull’ex paradiso socialdemocratico

Elezioni in Svezia. Gli Sverigedemokraterna, razzisti e anti-Ue, grandi favoriti nel voto di domenica. Sullo sfondo, la crisi del multiculturalismo

Annika Strandhall, ministro delle politiche sociali ha indossato in parlamento la maglia di Jimmy Durmaz, il centrocampista di origine turca bersagliato dagli insulti razzisti dopo che la Germania ha sconfitto la Svezia nei mondiali di calcio. Elin Ersson, giovane attivista dei diritti umani, ha impedito che un richiedente asilo afghano fosse rimpatriato, bloccando all’aeroporto di Göteborg il decollo dell’aereo sul quale l’uomo era stato imbarcato. Malgrado dalla Svezia siano arrivate di recente notizie che evocano la volontà di lottare contro le discriminazioni, c’è il rischio che si tratti di eccezioni che confermano la regola. In un paese fin qui noto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.