closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Quelle anomalie costituzionali dell’incarico a Draghi

Sergio Mattarella e Mario Draghi prima dell'incarico

Sergio Mattarella e Mario Draghi prima dell'incarico

La crisi del governo Conte bis e sfociata nell’incarico a Draghi è stata caratterizzata da preoccupanti anomalie costituzionali. In primo luogo, come ha già ricordato Luigi Ferrajoli su questo giornale, la crisi è stata aperta dalle dimissioni di un Presidente del Consiglio che aveva appena ottenuto la fiducia delle Camere (maggioranza semplice al Senato e superiore a quella assoluta alla Camera). Quand’anche il Senato avesse respinto la relazione del Ministro della giustizia, ciò non avrebbe comportato l’obbligo di dimissioni del Governo, come espressamente prevede l’art. 94, c. 3, Costituzione, ma la necessità di rivedere alcuni indirizzi in materia. Le dimissioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi