closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Quell’America rurale finita ricca e sconfitta

Il quartetto Wonderland. Il Saggiatore recupera l’epopea che J.C. Oates dedicò tra il ’67 e il ’71 alla parabola sociale e morale degli States. Escono i primi due titoli

R. B. Kitaj, «The friendship and the shadow of betrayal»; in alto,  Joyce Carol Oates

R. B. Kitaj, «The friendship and the shadow of betrayal»; in alto, Joyce Carol Oates

Ai suoi esordi Joyce Carol Oates si dedicò a una serie di cronache americane convergenti sul declino etico-sociale in cui, a suo avviso, il suo paese versava dopo la svolta di metà secolo. Dall’osservazione del presente lei girava lo sguardo indietro per individuare i fattori che sotto pelle avevano lavorato fino a rodere la sfolgorante armatura di facciata con cui gli Stati Uniti si prestavano a guidare il mondo del secondo Novecento. Nasce così, tra il 1967 e il 1971, in un fluire inarrestabile di pagine, il quartetto Wonderland, un’Epopea americana che, prendendo le mosse dagli anni post-bellici e dai...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.