closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Quella sua marcia del rifiuto

Diego Maradona, un ex-calciatore uscito, dopo non pochi dolori, dalla tossicodipendenza, che guida a Buenos Aires la marcia del rifiuto a Bush, sconvolgendo il Vertice dei paesi della Oea, dal quale Cuba era grottescamente esclusa per volere proprio degli Usa, è il segno di un continente in tensione e rapido mutamento dove l'avversione alla invadenza e alla prepotenza degli Stati uniti è evidente nelle strade, nei campi, nei caffè, nella vita grama e inumana di molti paesi latinoamericani e dove l'antiamericanismo non è mai stato così grande. Maradona che fa politica, pur con i suoi limiti, e si espone in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.