closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Quel «sindaco straniero» che cercò di cambiare il volto della Città eterna

La biografia. «Nathan e l’invenzione di Roma» di Fabio Martini, edito da Marsilio. Ebreo, nato a Londra, di formazione cosmopolita, Ernesto Nathan divenne sindaco della capitale nel novembre del 1907 con il dichiarato intento di fare di Roma una città più civile e moderna. La sua giunta lottò contro i monopoli e le rendite, inoltre cercò di migliorare l’efficienza della macchina amministrativa

Roma, 1909, il sindaco Nathan, secondo da sinistra, visita il cantiere dello Zoo

Roma, 1909, il sindaco Nathan, secondo da sinistra, visita il cantiere dello Zoo

La città di Roma visse nei primi anni del Novecento una delle sue stagioni probabilmente più felici. Nel periodo compreso tra il 1907 e il 1913 la capitale del Regno conobbe cioè, grazie all’attività riformatrice del sindaco Nathan e della sua Giunta, una radicale trasformazione: un energico mutamento posto in essere da quel primo cittadino che, oltre a intervenire con successo in vari ambiti, elaborò un modello amministrativo assai efficiente ma rimasto, in seguito, sostanzialmente ignorato; come, del resto, risulta oggi ben poco nota la vicenda del suo governo municipale. IL LUCIDO E CIRCOSTANZIATO saggio di Fabio Martini, notista politico...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.