closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Quel maledetto giovedì che ha distrutto la crescita in Europa

Stagnazione. La realtà è più forte della fantasia e della finanza. Giovedì 10 luglio il Portogallo ha fatto crollare le borse, l'Istat ha registrato il dato negativo della produzione, il Pil ristagna in Germania. E Per Renzi si prepara una manovra extra-strong tra i 7 e i 24 miliardi

Sull'Europa non spira più la bonanza finanziaria che aveva illuso sul ritorno della crescita. Annullate le vacanze, riprendete in mano gli scontrini e le agendine dei risparmi, a settembre ricominciano gli esami. E partiranno i tagli. Il problema non è solo italiano, anche se l'Italia ha un grosso problema al quale il governo non vuole pensare: per fine anno una manovra finanzaria extra-strong che oscilla dai 7 ai 24 miliardi di euro, a seconda delle stime piovute negli ultimi mesi sul capo di Renzi. Il problema è europeo, e in primo luogo tedesco. Cronaca di una settimana turbolenta Nel vecchio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi