closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Quel «genere» di scuola manda la Curia in tilt

Scandalo a Milano. Una lettera della diocesi chiede agli insegnanti di religione di "schedare" le scuole in cui si legittimano le unioni gay. Scoppia la polemica, solo Giovanardi esulta

Il cardinale Angelo Bagnasco

Il cardinale Angelo Bagnasco

Gli insegnanti di religione cattolica come «cavalli di Troia» della Curia di Milano nelle scuole statali con un missione precisa: scoprire dove vengono organizzati progetti di educazione alla «differenza di genere» e informare la diocesi, perché evidentemente possa predisporre opportune contromisure. Il copyright è del card. Bagnasco. L’espressione «cavallo di Troia» l’ha usata pochi giorni fa, durante la sua prolusione all’assemblea generale della Cei, per chiudere le porte a eventuali provvedimenti di riconoscimento delle unioni civili etero e omosessuali e per bacchettare quei sindaci che hanno registrato i matrimoni delle coppie gay celebrati all’estero. «È irresponsabile - aveva detto il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi