closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Quei musi neri di Marcinelle

Anniversari. L’8 agosto del 1956 la strage di minatori fece scoprire le terribili condizioni di vita dei lavoratori italiani in Belgio. Ma un giornale di sinistra scriveva: «Vogliono vivere così»

Lavoratori italiani a Marcinelle

Lavoratori italiani a Marcinelle

Stretti l’uno all’altro in gabbie che non raggiungono il metro e mezzo d’altezza. Come polli in batteria, con l’immancabile caschetto sulla testa e le tute di lavoro annerite, pronti a inabissarsi fino ai 945 metri dove spaleranno carbone in cunicoli non più alti di 50 centimetri e dove, alle 8,10 di mattina dell’8 agosto 1956, una scintilla elettrica scatenerà un incendio e la morte di 262 persone di undici nazionalità diverse, 138 delle quali italiane, la metà di questi abruzzesi e, tra questi ultimi, una quarantina provenienti dal piccolo comune di Manoppello, nel pescarese. È forse questa l’immagine più emblematica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.