closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Quei bambini appiccicosi

Public Art. L'artista Kara Walker ha raccontato la schiavitù nera nell'ex zuccherificio Domino di New York, simbolo del colonialismo americano

La scultura di Kara Walker all'ex zuccherificio Domino

La scultura di Kara Walker all'ex zuccherificio Domino

L’interno dell’ex zuccherificio Domino di Brooklyn è una caverna arrugginita, illuminata di traverso dai raggi del sole che scende sull’East River. La luce entra obliqua dai lucernari ingialliti, altissimi, e irrora la penombra dell’enorme spazio vuoto, come fosse la stiva di una nave fantasma, un mercantile rottamato sulla riva, dirimpetto alle guglie di Manhattan. L’impressionante struttura è datata 1856: all’epoca, era la più grande raffineria di zucchero al mondo, un impianto rimasto in attività fino al 2004 quando gli ultimi 225 operai sono stati stati licenziati e ha chiuso i battenti. Prima, per 148 anni di seguito, la fabbrica aveva...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.