closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Quei bambini appiccicosi

Public Art. L'artista Kara Walker ha raccontato la schiavitù nera nell'ex zuccherificio Domino di New York, simbolo del colonialismo americano

La scultura di Kara Walker all'ex zuccherificio Domino

La scultura di Kara Walker all'ex zuccherificio Domino

L’interno dell’ex zuccherificio Domino di Brooklyn è una caverna arrugginita, illuminata di traverso dai raggi del sole che scende sull’East River. La luce entra obliqua dai lucernari ingialliti, altissimi, e irrora la penombra dell’enorme spazio vuoto, come fosse la stiva di una nave fantasma, un mercantile rottamato sulla riva, dirimpetto alle guglie di Manhattan. L’impressionante struttura è datata 1856: all’epoca, era la più grande raffineria di zucchero al mondo, un impianto rimasto in attività fino al 2004 quando gli ultimi 225 operai sono stati stati licenziati e ha chiuso i battenti. Prima, per 148 anni di seguito, la fabbrica aveva...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi