closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Quegli «zingari» imprigionati nel campo fascista di Agnone

Davanti a tutti ci sono due bambini che tengono una bandiera: è verde come i prati, celeste come il cielo e con una ruota stilizzata sopra, a simboleggiare un popolo in fuga da secoli, sempre scacciato, evitato, nascosto, vilipeso, sparso per il mondo eppure incredibilmente unito. Ieri ad Agnone, in provincia di Isernia, si è ricordata la rivolta dello Zigeunerlager di Auschwitz del 16 maggio 1944, quando quasi quattromila tra rom, sinti e caminanti decisero di non cedere ai soldati tedeschi arrivati lì per sterminarli: la resistenza sarebbe durata fino ad agosto, quando le SS tornarono in forze e massacrarono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi