closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Quattro Sì per uscire dall’austerità

L'iniziativa . 500 mila firme entro 90 giorni contro il Fiscal compact. Nel comitato promotore economisti, sindacalisti, parlamentari di tutti gli schieramenti politici. Per eliminare le disposizioni che obbligano governo e parlamento a fissare obiettivi di bilancio più gravosi di quelli definiti in sede europea

Novanta giorni, da giovedì 3 luglio a martedì 30 settembre. È questo il tempo a disposizione del comitato promotore dei quattro referendum «Stop all'austerità, sì alla crescita, sì all'Europa del lavoro e di un nuovo sviluppo» per raccogliere 500 mila firme e convocare una consultazione popolare sul Fiscal compact, il «pilota automatico» che obbligherà l'Italia a tagliare il debito pubblico dal 133% al 60% a partire dal 2016 fino al 2036. Composto da economisti, giuristi e sindacalisti di diverso orientamento culturale e politico, dall'ex viceministro Pdl dell'Economia, Mario Baldassarri, al sindacalista Cgil Danilo Barbi, dagli economisti Riccardo Realfonzo e Gustavo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi