closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Quattro colonne in cronaca o un «romanzo» di mille pagine?

Mode editoriali. I casi più popolari rivisti da scrittori che sfidano la narrazione televisiva

Storie terribili che hanno segnato la storia della nera sedimentandosi nel senso comune in un ricordo polarizzante, con vittime e colpevoli. Sono i potenti fatti di cronaca su cui i media hanno acceso le luci per mesi facendo vivere allo spettatore o al lettore un continuo, morboso e accecante, stato di febbrile informazione. Se si domandasse a un telespettatore o a un semplice passante chi uccise Sarah Scazzi le risposte sarebbero probabilmente la zia e la cugina. Ma se in verità il processo non fosse stato così lineare, lasciando parecchi dubbi? E in un caso in cui i colpevoli sembrano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi