closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Quarto decreto «ristori» in un mese: ora è il turno delle partite Iva

Il caso. Dopo mesi si torna a parlare di aiuti ai lavoratori autonomi e professionisti già destinatari di un bonus trimestrale occasionale e temporaneo. Per il viceministro dell'economia Antonio Misiani "Nel 2021 dobbiamo immaginare un sostegno a chi non ha cassa integrazione o altri strumenti di protezione sociale"

Il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri

Il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri

Dopo il via libera del Parlamento allo scostamento di bilancio da otto miliardi di euro per finanziare le coperture in queste ore la maggioranza sta negoziando la quarta edizione in un mese del «decreto ristori». I tempi sono ristrettissimi: il provvedimento deve essere approvato dal Consiglio dei ministri entro il 30 novembre perché è finalizzato alla proroga di una serie di scadenze fiscali che riguardano il lavoro autonomo imprenditoriale e le partite Iva individuali: il secondo acconto Irpef, Ires e Irap in scadenza a fine mese; la proroga delle scadenze di dicembre legate all'Iva e ai contributi, la proroga dei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi