closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Brescia quarant’anni dopo, strage ancora senza un colpevole

Brescia. Nell'anniversario della strage di piazza della Loggia molte iniziative in città. Mentre ricomincia il processo per due degli imputati assolti in primo e secondo grado

Quarant’anni. Un tempo sufficiente a veder passare due generazioni. Nelle scuole, nei partiti, nei sindacati, in città. E ancora per la magistratura non c’è un colpevole per la strage del 28 maggio 1974. Quella bomba nascosta in un cestino, esplosa in Piazza della Loggia mentre era in corso una manifestazione antifascista, fece otto morti e più di cento feriti. E fu forse l’attentato più gravido di implicazioni della stagione delle stragi: colpì al cuore il movimento dei lavoratori, nella città con il fermento sindacale più temibile in Italia, sul crinale degli anni ’70. Le Poste Italiane hanno deciso di dedicare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.