closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Quantitative easing e rigore, la sindrome bipolare dell’Europa

Draghi. Stiamo Stiamo parlando di una gigantesca movimentazione di denaro (creato dal nulla), ma ad un livello distante anni luce dalla materialità della vita dei cittadini europei

Mario Draghi

Mario Draghi

Cosa ci dicono le missive inviate nei giorni scorsi dalla Commissione ad alcuni Paesi dell’Unione, tra cui l’Italia, e le ultime scelte di Draghi in tema di politica monetaria? Che l’Europa, per quanto si voglia minimizzare sull’argomento, è sempre più in preda ad una sindrome bipolare. Da un lato si richiamano gli Stati membri, a cominciare dai più reprobi, ai propri doveri verso il Fiscal Compact, lo strumento approntato all’indomani della crisi innescata dalla bolla immobiliare americana per rendere più rigidi e cogenti i vincoli di finanza pubblica, dall’altro si amplia il volume di acquisti del Quantitative easing, portandolo da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.