closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Quant’è piccolo il nano-mondo

Nobel chimica. Il francese Jean-Pierre Sauvage, lo scozzese J. Fraser Stoddart e l’olandese Bernard L. Feringa hanno vinto il premio grazie alle ricerche nel campo delle macchine molecolari

Il francese Jean-Pierre Sauvage, lo scozzese J. Fraser Stoddart e l’olandese Bernard L. Feringa hanno vinto il Nobel per la chimica grazie alle ricerche nel campo delle macchine molecolari. I loro studi hanno permesso lo sviluppo di molecole in grado di svolgere operazioni meccaniche su scale piccolissime. A Feringa toccherà metà del premio (ottocentomila euro in totale), mentre l’altra metà sarà divisa tra Sauvage e Stoddart. Le molecole messe a punto da Sauvage, Stoddart e Feringa a partire dagli anni 80 sono dispositivi mille volte più piccoli di un capello in grado di spostarsi, ruotare, alzarsi o piegarsi in base...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi