closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Quando Torino profumava di swing

Documentari. «Compro oro» di Toni Lama e Marino Bronzino su un celebre locale dei ’60 dove suonarono i grandi del jazz come Chet Baker, Dizzy Gilespie, Phil Wood

Per capire cosa sia stato e soprattutto «chi» sia stato lo Swing Club, bisogna tornare alla Torino dei primi anni ’60. Se, per ragioni anagrafiche o vari motivi della vita, quella Torino vi è rimasta sconosciuta, immaginate una città prigioniera della Fiat, sottomessa ai ritmi della catena di montaggio, avvolta da un grigiore perenne non addebitabile soltanto al clima, spietata con i terroni arrivati sin qui in cerca di lavoro. Se dici Torino, negli anni ’60 dici tristezza. Ma c’è chi la tristezza prova a zittirla riempiendola di musica. Lui si chiama Mario Barazzotto, disegna fumetti ascoltando jazz , e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi