closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Quando l’oro bianco del marmo vale più di quattro alluvioni

Ambiente. Dopo l'ennesima esondazione del torrente Carrione, il caso Carrara visto dalla Rete dei comitati per la difesa del territorio. Oggi convegno a Firenze, per discutere degli effetti delle escavazioni e delle politiche cementificatorie su un bacino storicamente fragile.

Le Alpi Apuane

Le Alpi Apuane

Dopo quattro alluvioni in dieci anni, anche a Carrara qualcuno comincia a dire ad alta voce quello che tanti hanno, per tempo, denunciato. Al di là del fatto contingente che ha provocato l'ennesima esondazione – il cedimento di un argine da poco ricostruito del torrente Carrione – non sarà che è stato costruito troppo e male? Abbandonando poi la cura dei corsi d'acqua minori, che sono stati in parte o del tutto “tappati” sia dai residui del taglio del marmo, che dalla realizzazione di nuove strade e stradelle per arrivare alle preziose cave? Agli interrogativi posti da ambientalisti e geologi,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.