closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Quando l’Italia scoprì una divina creatura

Icone. Addio a Laura Antonelli, corpo desiderante del nostro cinema. È stata il sogno erotico per generazioni di maschi sedotti dal suo personaggio in «Malizia», il film del successo

Nell’Italia degli anni Settanta, quando il sesso malgrado il Sessantotto e le sue  rivoluzioni era ancora un tabù, l'immagine di quella giovane donna sensuale con le autoreggenti nere sotto alla gonna sbarazzina aveva un potenziale esplosivo. E lasciamo stare il senso comune dell’«italiano medio» ma proviamo a immaginare se in un serio consesso politico-intellettuale (Pci?) qualcuno avrebbe mai ammesso di amare un regista come Salvatore Samperi. Il tabù di cui sopra era - e forse ancora è o meglio è di nuovo oggi - il rigido confine tra cultura alta col marchio doc d’autore e cultura bassa che i movimenti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.