closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Quando la sessualità diventa un gioco ironico da ragazze

SALONE DEL LIBRO DI TORINO. Oggi in Sala Azzurra alle 12, «Il libro della vagina» scritto dalle norvegesi Nina Brochmann ed Ellen Stokken Dahl

Una foto di Agnese De Donato

Una foto di Agnese De Donato

Era la primavera del 1969 quando un gruppo di donne decideva di riunirsi a Boston per avviare una discussione che, da lì a due anni, sarebbe diventato un libro memorabile. Our bodies, Ourselves viene tradotto in Italia nel 1975 per Feltrinelli con il titolo Noi e il nostro corpo ed è il frutto maturo del desiderio di dodici donne alle quali se ne aggiungono molte altre. Il femminismo era agli albori, l’esigenza di riprendersi qualcosa di proprio - da sempre-, del tutto frainteso quando non ignorato dalla medicina maschile e patriarcale, invadeva così scuole, asili, chiese e case private nell’intendimento...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi