closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Quando il teatro, nonostante la pandemia, si apre alla città

Globe theatre. Dopo Napoli e Milano anche Roma si è svegliata ieri su un palcoscenico concreto con la memoria alle battaglie di ieri e il cuore oltre l’ostacolo di chiusure e precarietà

L'occupazione al Globe Theatre

L'occupazione al Globe Theatre

Attraverso villa Borghese con Veronica Cruciani. Siamo diretti al Globe Theatre che è stato appena occupato dalle lavoratrici e dai lavoratori dello spettacolo. In un articolo di qualche anno fa il critico Andrea Porcheddu la chiama «pasionaria come una Arianne Mnouchkine all’italiana» e definisce il suo teatro «un imprescindibile punto di riferimento della scena teatrale romana e non solo». Per un pezzo importante della sua vita si è occupata di uno spazio periferico, un teatro atipico in una borgata romana, il Quarticciolo. «Sono stata chiamata da Giovanna Marinelli che dirigeva il Teatro di Roma e da Sabina De Tommasi, la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi