closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Quando i graffiti erano underground

Arti urbane. Due libri raccontano la prima stagione del writing italiano dalla fine degli anni ’80. La parola ai protagonisti in «Buio dentro», di Corrado Piazza (Shake Edizioni) e «Roma Subway Art», a cura di Mathieu Romeo e Lorenzo D’Ambra (Whole Train Press). Tra Milano e la capitale riemerge la storia di una conquista silenziosa, «firmata» lungo i binari della metropolitana

La crew Alpha DCN in azione nei tunnel della metropolitana milanese, una foto di Corrado Piazza, tratta da «Buio dentro» (Shake Edizioni)

La crew Alpha DCN in azione nei tunnel della metropolitana milanese, una foto di Corrado Piazza, tratta da «Buio dentro» (Shake Edizioni)

Il writing che non avete mai visto, segni di un’epoca lontana primogenitura per nuove generazioni di scrittori urbani. Italia back in the days, si torna al punto di partenza zero, tra la fine degli anni ‘80 e gli inizi dei ’90, quando la fame di aerosol culture proveniente dalla Grande Mela si presentava a un writer alle prime armi come una necessità tutta da inventare, per di più in modalità off-line visto che internet non esisteva. Lungo l’asse Milano-Roma si sviluppa il viaggio all’indietro di due libri di recente pubblicazione: Buio dentro di Corrado Piazza, classe 1977, in una nuova...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi