closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Quaderni di ricordi dalla memoria eversiva della Repubblica

Scaffale. «I colpevoli. Gelli, Andreotti e la P2 visti da vicino» di Sandra Bonsanti e Stefania Limiti, per Chiarelettere. L’esperienza giornalistica dell’epoca incrocia l’elaborazione storica odierna

«The Pencil Factory» di Jon Han

«The Pencil Factory» di Jon Han

Prima di diventare parte della storia eversiva della Repubblica la vicenda della Loggia massonica segreta Propaganda 2 (P2), ufficialmente guidata dall’ex repubblichino Licio Gelli, è stata cronaca e vissuto quotidiano di una «democrazia difficile». A quarant’anni dalla «scoperta» della P2 Sandra Bonsanti e Stefania Limiti ne I colpevoli. Gelli, Andreotti e la P2 visti da vicino (Chiarelettere, pp. 256, euro 16) uniscono queste due dimensioni temporali coniugandone i caratteri tramite la connessione tra passato e presente ovvero tra l’esperienza personale-professionale dell’epoca e l’elaborazione storico-memoriale di oggi: «Purtroppo - scrive Bonsanti - le cose non si capiscono, non si riconoscono, nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi