closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Putin: “Le sanzioni danneggiano l’Italia, noi potremmo trovare altri partner”

Russia Expo. Il presidente russo sbarca a Milano per ricordare al presidente del Consiglio (e ai rappresentanti delle principali aziende italiane) che l'Italia sta rischiando di non chiudere affari per un miliardo di euro. Per risolvere la crisi ucraina Renzi e l'uomo del Cremlino indicano una strada sola: applicare l'accordo di Minsk 2. Ma l'impressione è che non ci siano le premesse per ristabilire buoni rapporti tra Russia ed Occidente. "Il club del G7 ha deciso che non ci vuole, lavoreremo benissimo con altri paesi"

Si sentirà anche circondato dalle basi Nato, come ha detto al Corriere della Sera, ma Vladimir Putin non ha l’aria abbacchiata. Anzi. Non tanto per il prevedibile messaggio che ha lanciato all’Expo, durante la giornata nazionale della Russia (le sanzioni danneggiano l’Italia e non è la Russia a non volere la pace in Ucraina). Ma per il tono e l’atteggiamento quasi provocatorio. Putin ha puntato al nocciolo delle questioni senza convenevoli, con aria di sfida, agevolato dal fatto che al suo fianco si è esibito un Matteo Renzi decisamente in imbarazzo nel vestire i panni di chi dà ragione all’uomo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.