closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Putin blinda il South Stream

Gas. Mogherini difende la strategia italiana sul South Stream

Mogherini e Lavrov

Mogherini e Lavrov

L’[/ACM_2]esercito di Kiev è schierato intorno a Donetsk e Lugansk, ultime sacche della ribellione filorussa. Le due città potrebbero cadere, con un blocco prolungato o un attacco in piena regola. Ma c’è anche la possibilità che si negozi una tregua, sollecitata dall’asse franco-tedesco. Il grande paradosso, in questa situazione delicatissima, è che Putin, l’uomo da cui tutti s’attendono una mossa, tace. Nessuno sa cos’abbia in mente. In compenso l’inquilino del Cremlino ha le idee chiare su South Stream, il gasdotto che nei prossimi anni, passando dal fondale del Mar Nero, risalendo i Balcani e terminando la corsa alle porte di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi