closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Puniti i giovani che hanno tentato di mettersi in proprio

Intervista. Parla Renato Mattioni, il segretario della Camera di commercio di Monza e Brianza che ha realizzato lo studio sui fallimenti in Italia

“Questa crisi sta disilludendo chi ha cercato di affrontarla puntando su se stesso”. Renato Mattioni, segretario della Camera di commercio di Monza e Brianza interpreta così i dati raccolti dal suo studio sui fallimenti. Che cosa si nasconde dietro quelle cifre? Il numero che colpisce di più è la percentuale di fallimenti tra le imprese giovani. Noi le chiamiamo le imprese figlie della crisi. Molto spesso i titolari sono inoccupati, precari, cassaintegrati, disoccupati che però non hanno voluto restare passivi, con le mani in mano. Anche da un punto di vista personale hanno preferito rischiare piuttosto che vivacchiare magari chiedendo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi