closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

«Psiche» si interroga sull’intreccio inestricabile del naufragio

Riviste. Sull'ultimo numero della rivista della Società Psicoanalitica Italiana, artisti, fotografi e scrittori riflettono sul rapporto tra chi osserva da terra e chi è in mare

Assistere da terra al disagio di chi si barcamena in mare può essere piacevole, sosteneva Lucrezio in un celebre passo del suo poema sulla natura. E ciò non perché godiamo della sofferenza altrui, continuava Lucrezio, bensì perché in questa situazione abbiamo l’occasione di apprezzare ciò che normalmente appare scontato: la sicurezza di avere i piedi a terra. NONOSTANTE le giustificazioni di Lucrezio, sembra però rimanere una certa ambiguità sul piacere di chi osserva gli sfortunati al largo. Anche a causa del persistere di tale ambiguità, i suoi versi sul naufragio hanno stimolato interpretazioni e riscritture le più varie. Vi si...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.