closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Proteste anti-lockdown. Nizza, livello di guardia

Francia tra due fuochi. Forti malumori sulle chiusure per Covid. Notre Dame la destra incalza: stop diritto d’asilo

Nizza.

Nizza.

Giorni difficili per la Francia, in stato d’allerta massimo per il terrorismo, ma anche in stato di rivolta per il nuovo lockdown, iniziato ieri, anche se per il momento poco rispettato. Essendo meno drastico rispetto alla primavera scorsa sta suscitando polemiche sulla «distorsione della concorrenza»: in prima fila le librerie indipendenti, che sono sulla carta obbligate a chiudere mentre i grandi centri commerciali, come la Fnac, che vendono anche libri oltre a materiale informatico, restano aperti (per non parlare delle vendite online). I grandi premi letterari sono stati tutti rimandati, in segno di solidarietà con i librai. Lo scontento serpeggia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.