closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«No al mega centro stoccaggio di Co2», gli ecologisti rompono con Bonaccini

Ambiente . La protesta di fronte alla Regione Emilia Romagna contro il progetto Eni a Ravenna

I cartelli davanti alla sede della Regione Emilia Romagna

I cartelli davanti alla sede della Regione Emilia Romagna

«L'anidride carbonica non si mette sotto al tappeto, semplicemente bisogna smettere di produrla». Lo hanno detto forte e chiaro sotto all'ufficio di Stefano Bonaccini a Bologna gli attivisti della neonata Rete per l'emergenza climatica e ambientale dell'Emilia Romagna. Di fronte ai palazzi della Regione si sono ritrovati ambientalisti, militanti di centri sociali, di ong e di associazioni come Greenpeace e Legambiente. La richiesta è semplice: l'Emilia-Romagna del presidente Bonaccini e della vicepresidente Elly Schlein deve dire chiaramente di non considerare compatibile con la svolta ecologica - promessa e sbandierata durante la campagna elettorale contro la Lega di Salvini - il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi