closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Protesta dei «no border»: «Più diritti, meno frontiere»

La piazza. Fuori dal Consiglio d'Europa, le voci del corteo dei migranti

Molti, come il senegalese napoletano Aboubakar Soumahoro, hanno dovuto sudarsela, la trasferta a Bruxelles per manifestare contro la “Fortezza Europa”. Il suo viaggio ha rischiato di finire a Chamonix, dove la carovana partita dall’Italia è stata accolta da un imponente schieramento di agenti che li hanno rivoltati come calzini e alla fine non volevano far passare 5 persone nonostante fossero in possesso del permesso di soggiorno. Aboubakar quantifica il ritardo accumulato in 36 ore. Ad altri, come i quaranta rifugiati afghani che hanno piantato le tende nella chiesa di San Giuseppe Battista, è bastato invece solo affacciarsi sulla piazza del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi